Baronissi saluta con un sorriso, Caserta male fino in fondo

0
820

Qui Baronissi. Le magliette rosse celebrative, le vocine d’incitamento costante dei bambini sugli spalti, le bandiere a scacchi della P2P mischiate a quelle cubane in omaggio al bomber di Baronissi, Mendaro Leyva, il pianto di Carmen Gagliardi bianco-rosso-blu da tre stagioni, il volto felice di Amaturo che a 17 anni (non ancora compiuti) si toglie lo sfizio di realizzare il punto di fine partita e fine campionato: ecco le immagini più belle della festa di volley organizzata dalla P2P Givova al Palasemprefarmacia.it, in occasione della sfida alla Bertoccini Perugia (risultato 3-0 per le padrone di casa), ultima della regular season di serie A2. “Se me la lasciano, incornicio la maglia e faccio un quadretto in cameretta – dice Amaturo con tutto il candore dei suoi sedici anni e mezzo – sono finiti temporaneamente gli esami in campo e proseguono le interrogazioni a scuola. E’ stato bellissimo non solo debuttare in serie A2 nella gara precedente contro Mondovì ma anche e soprattutto rigiocare oggi realizzando l’ultimo punto della gara e del campionato. Grazie infinite a coach Ferrara e alla P2P GIVOVA che mi hanno dato questa opportunità”.

Sugli spalti anche un ospite speciale: in tribuna a Capriglia c’era, infatti, Carlotta Cambi, palleggiatrice della My Cicero Volley Pesaro, inserita dal ct Mazzanti nel “listone” delle 28 atlete (seniores e under) che si prepareranno alla Volleyball Nations League e ai Giochi del Mediterraneo, anticamera dei Mondiali in programma in Giappone tra settembre e ottobre.

“Sono orgoglioso di aver potuto allenare queste ragazze nell’ultimo scorcio di campionato – commenta coach Vito Ferrara – la società aveva chiesto alla squadra un segnale forte di ripresa e di risveglio, per chiudere il campionato in bellezza e all’altezza degli investimenti. Sono arrivate tre vittorie consecutive, frutto di tanto impegno e tanto lavoro in palestra. Abbiamo vissuto una giornata speciale, bellissima anche sugli spalti con tanti colori, tanti tifosi e piccoli pallavolisti”.

Qui Caserta. Si chiude con un 3-0 in poco più di un’ora l’ultima recita della VolAlto Caserta. Come prevedibile, la Battistelli ha avuto facilmente ragione delle campane giunte in Romagna anche senza Cvetnic. Praticamente senza storia il match con le locali assolutamente padroni della contesa. Del resto, a prescindere da tutto, questa sarebbe stata comunque una della trasferte più difficili del campionato, figurarsi affrontarla dopo una retrocessione e senza una delle due terminali offensive più importanti.
Con questo successo la Battistelli sale a quota 65  e chiude la stagione regolare al quarto posto, piazzamento molto interessante in chiave play off promozione che vede per ora festeggiare Brescia approdata nella massima serie spuntandola sul filo di lana alla uBI Ubi Banca Cuneo. A fine gara coach Arcangelo Madonna spiega: “Onore alla Battistelli che ha giocato con grinta e determinazione questa sfida dimostrandoci così il massimo rispetto. Poco altro vi è da aggiungere su di una sfida già di per se difficile e resa ancora più problematica dall’assenza della Cvetnic. Si chiude questo torneo con il rimpianto di non aver potuto fare quanto sperato. Voglio, comunque, dire grazie alle ragazze per l’impegno profuso. Da domani comincerà una nuova storia”.

LASCIA UN COMMENTO